Cosa vedere a Siena – I Banchi

Le due vie centralissime dei Banchi di Sopra e di Sotto, site rispettivamente nei terzieri di Camollia e di S.Martino, erano note anticamente con l’unica denominazione di “Banchi” e rappresentano l’asse cittadino della via Francigena.

Sono così chiamate perché qui si concentravano i banchi dei cambiavalute. Col tempo, vi fiorirono le attività più varie, finché nel 1398 un provvedimento del Comune escluse da queste strade, per motivi di decoro, qualsiasi esercizio che non fosse quello di banchieri, drappieri, orafi, pellicciai e armaioli, le cosiddette “botteghe nobili”.

Come recita il decreto, infatti, “né in Vinegia né a Firenze né in nessuna altra terra in questo paese vi è una più bella via”. Ancor oggi i Banchi sono contornati da negozi e palazzi nobiliari, tra cui il palazzo Piccolomini, al n.52.

I Piccolomini, già nel ‘200, avevano raggiunto una cospicua ricchezza grazie alla loro attività di cambiavalute alla corte papale e sui mercati dell’Europa del Nord. Nel 1469, all’apice della loro potenza, si fecero erigere il palazzo con bifore e bugnato in stile rinascimentale fiorentino.

Di fronte al palazzo è l’Università, erede del’antico “Studio” duecentesco, che occupa gli ambienti dell’ex monastero S.Virginio.

La Locanda del Vino Nobile

www.lalocandedelvinonobile.it
B&B e ristorante a 100 mt dalle Terme di Montepulciano
Via dei Lillà, 1/3 - S.Albino di Montepulciano (SI), Italia
Telefono: 0578 798064

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>