Una visita all’antico borgo medievale di Montalcino

Sempre a proposito del territorio che circonda il nostro B&B in Toscana, merita una visita il paese di Montalcino, noto innanzitutto per il vino che qui viene prodotto e che porta l’Italia ai vertici dell’enogastronomia di qualità.

Montalcino si trova su un incantevole collina di 564 m. sul livello del mare, e conserva ancora inalterato il suo fascino di antico borgo medievale.
Il suo territorio, che fa parte del Parco Artistico Naturale e Culturale della Val d’Orcia, è coperto da coltivazioni di vite (da cui si ricavano vini di alto pregio come, appunto, il famoso Brunello), olivi e boschi in cui prevalgono alberi di leccio e dal cui termine latino ( Ilex ) deriva probabilmente il nome Montalcino, Mons Ilcinus.

La prima importante presenza stanziale sul territorio è legata al sito archeologico di Poggio alla Civitella (su una altura a 3 km da Montalcino) con resti etruschi del periodo arcaico ed ellenistico: a partire dal VI sec. a.C. la collina ha ospitato un villaggio e più tardi una fortezza con tre circuiti difensivi, abbandonata presumibilmente durante il III sec. a.C.

Uno dei luoghi da visitare nella zona di Montalcino è sicuramente l’ Abbazia di Sant’Antimo, meraviglioso complesso architettonico che oggi dista 9 Km da Montalcino.
Secondo la leggenda, l’Abbazia sorse su una antica cappella votiva fatta erigere da Carlo Magno, su questo tratto derivante della Via Francigena,  nel 781 d.C., anche se la costruzione viene fatta risalire negli anni a cavallo tra il 1000 e il 1118.

Straordinario esempio di architettura romanica lombardo-francese costruita in onice e alabastro, l’Abbazia di Sant’Antimo rivela la sua eccezionalità nell’abside formata esternamente da cappelle radiali, nel lungo ambulacro interno, così come nei capitelli decorati ad intrecci geometrici, motivi floreali e figure di animali, tra cui spicca quello raffigurante Daniele nella fossa dei leoni attribuito recentemente al Maestro di Cabestany.

A Montalcino si possono poi ammirare numerose opere architettoniche di epoca medievale, a cominciare dalle mura di cinta che conservano ancora le antiche porte e parte dei torrioni, il Palazzo Comunale (edificio di architettura pubblica della fine del Duecento), i Loggiati di Piazza del Popolo (con arcate del XIV e XV sec.), la Cattedrale in stile neoclassico (costruita su una antica Pieve del XI sec.), il Santuario della Madonna del Soccorso (edificato nel XVII sec. su una chiesa quattrocentesca), la Chiesa di Sant’Egidio (la chiesa dei senesi, del XIV sec.), e le bellissime chiese trecentesche di Sant’Agostino (presenti affreschi di scuola senese del XIV sec.) e di San Francesco, con gli annessi Conventi aperti su bellissimi chiostri.

Quest’ultima chiesa conserva gli affreschi cinquecenteschi di Vincenzo Tamagni, lo stesso autore degli affreschi dell’antico Studiolo inserito nell’antico complesso dello Spedale di Santa Maria della Croce, fondato nel XIII sec., oggi sede dell’Amministrazione Comunale.

Nel complesso dell’ex Convento di Sant’Agostino trovano oggi posto i Musei di Montalcino, Raccolta Archeologica, Medievale, Moderna, riaperto nel 1997. Si tratta di uno dei più importanti musei della provincia di Siena ed offre una panoramica completa della produzione artistica di questo centro toscano.

Molteplici sono gli itinerari turistici che si possono intraprendere alla scoperta di cultura e tradizioni non solo nel centro storico del capoluogo ma nelle frazioni che lo circondano: Torrenieri; Castelnuovo dell’Abate; Sant’Angelo in Colle; Sant’Angelo Scalo; Tavernelle; Camigliano.

Montalcino è facilissima da raggiungere dal nostro B&B in Toscana “La Locanda del Vino Nobile”, ma noi sapremo anche darvi tanti altri consigli sulle bellezze dei dintorni. Vi aspettiamo!

La Locanda del Vino Nobile

www.lalocandedelvinonobile.it
B&B e ristorante a 100 mt dalle Terme di Montepulciano
Via dei Lillà, 1/3 - S.Albino di Montepulciano (SI), Italia
Telefono: 0578 798064

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>